La nostra Città - Archimede - Stampa Digitale

Home
Vai ai contenuti

La nostra Città

Varese, la Città Giardino

Probabilmente ciascuno di noi è orgoglioso delle proprie radici, del territorio, dei luoghi e della Città o Paese, addirittura della Frazione di appartenenza.
Il campanilismo è un sentimento comune, tuttavia, forse perchè tramandato da generazioni, in noi raggiunge livelli altissimi. A volte, chi ci ascolta, pensa di avere a che fare con l'Azienda Autonoma di Soggiorno (della Provincia di Varese) tanto siamo innamorati dei nostri luoghi.
D'altronde, quando i Genitori, e prima di loro i Nonni, ed ancora prima i bis-Nonni, solevano ripetere che "l'Italia è il giardino d'Europa e Varese è il giardino d'Italia" ... non si può che tramandare questo messaggio.

Toponomastica

Si dice che il suo nome derivi da un termine celtico, var, che significa acqua, in quanto si trova nelle vicinanze di un lago, che porta il suo nome.

Storia
Le prime tracce di un insediamento abitativo ritrovate sul territorio risalgono alla Preistoria, infatti come dimostrato dai numerosi reperti esposti nel museo di Villa Mirabello e dai ritrovamenti di insediamenti palafitticoli sull’isolino Virginia si può asserire che il territorio era abitato già nel 5000 a.c. Nonostante ciò non si hanno notizie precise della città se non sino alla tarda epoca imperiale, quando il villaggio, un piccolo villaggio di origine gallica, cominciò ad assumere una certa rilevanza in quanto collocato lungo strategiche vie di transito. Infatti, nei pressi di Varese, c'era una via di comunicazione che collegava Milano con la attuale Svizzera attraverso la valle, proseguendo per la Valganna, Ponte Tresa, e di lì fino al Ticino. Questo itinerario era molto frequentato dai mercanti e dai militari.

Torna ai contenuti